• Albo pretorio
  • Modulistica
  • Port Mobility
  • Giada
  • Arrivi e Partenze navi
  • Links
  • Visita i cantieri
  • Network in progress
  • Mappa interattiva
  • Most corso formazione
  • Lazio un antico cammino tra terra e mare
  • Tutela ambientale
  • Escola
  • Richiesta di ormeggio
Home » Eventi » Convegno all'Autorità Portuale di Civitavecchi ...

Eventi

Convegno all'Autorità Portuale di Civitavecchia: “Il sito archeologico “La Frasca” – presentazione campagna di scavo 2013/2014”

 - In Authority primo bilancio della campagna di scavo al sito archeologico. Protocollo di intesa tra Molo Vespucci e Comune per l'utilizzo del Maschio del Forte Michelangelo  

Un grande impianto termale, una villa residenziale, con tanto di scalinata a mare, mosaici, luoghi di sepoltura. Questi sono solo alcuni dei tesori che sono venuti alla luce nel corso della campagna di scavo 2013-2014 alla Frasca, nell’ambito degli scavi per la realizzazione del parco naturalistico archeologico “Frasca-Mattonara”, condotti dall’Autorità Portuale. In prima linea le due università La Sapienza e La Tuscia, insieme alla Soprintendenza per l’Etruria Meridionale.  Sono stati presentati lo scorso 13 febbraio i risultati della prima campagna di scavo con l’obiettivo, come sottolineato dall’architetto Enza Evangelista, di reperire i fondi per proseguire e riportare alla luce una preziosa area, dal punto di vista storico, archeologico e turistico, per dare vita poi al progetto di un percorso integrato didattico, con possibilità di guide, bike sharing e snorkeling e diving nei fondali antistanti la Frasca. “Un progetto – hanno spiegato il Soprintendente Alfonsina Russo e la funzionaria Ida Caruso – che rappresenta un’importante opportunità di conoscere sì e riscoprire il passato, ma anche di garantire uno sviluppo turistico alternativo e garantire nuova occupazione”. Un modo per attrarre l’attenzione anche dei crocieristi che possono rimanere così su un territorio in grado di garantire spunti interessanti dal punto di vista archeologico. E sulla riqualificazione proprio l’Autorità Portuale targata Pasqualino Monti ha creduto da subito, sostenendo con convinzione questo progetto. “Da cronoprogramma – ha aggiunto la dottoressa Caruso – in un anno e mezzo dovrebbero concludersi i lavori: poi entreremo nella fase delicata ed importante della gestione. Va dato merito all’Autorità Portuale di aver portato avanti da un lato l’ampliamento del porto per i traffici commerciali, dall’altro contemporaneamente la riqualificazione del porto storico e oggi della Frasca che, negli ultimi due anni, ci ha restituito importanti presenze storiche. Forse per la prima volta mi è capitato di seguire un’opera di tale importanza in modo tranquillo, sereno e senza problemi, a vantaggio di tutto il territorio”. Sono stati la professoressa Francesca Romana Stasolla dell’Università La Sapienza prima, ed il collega Carlo Pavolini della Tuscia poi a focalizzare l’attenzione sugli scavi nell’area del Cappelletto e nel complesso edilizio di Columna.
Soddisfatti il segretario generale di Molo Vespucci Maurizio Ievolella, che ha seguito da vicino i lavori, ed il sindaco Antonio Cozzolino che, a margine del convegno, hanno sottoscritto un protocollo di intesa per la riqualificazione e l'utilizzo del Forte Michelangelo e, in particolare del Maschio, per iniziative culturali rilevanti. Si parte dall’allestimento a breve della mostra sui venti anni di scavi a Cencelle, "Forma e vita di una città medievale. Leopoli-Cencelle", ospitata nei mesi scorsi ai Mercati di Traiano-Museo dei Fori Imperiali di Roma. Si tratta di una mostra archeologica sui reperti dell’antica città di Cencelle promossa dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, Sapienza Università di Roma, Università “G.d’Annunzio” Chieti-Pescara con il contributo della Società Storica Civitavecchiese Ecole Française de Rome, Fondazione Centro Italiano di Studi sull’alto Medioevo Spoleto ed il sostegno dell’Autorità Portuale. L'obiettivo del protocollo di intesa, come sottolineato da Comune ed Authority, è quello di dare nuova luce e centralità al Forte Michelangelo, "prima porta di Civitavecchia - hanno spiegato Ievolella e Cozzolino - per chi arriva da mare".

 

Materiale didattico del covegno:

 - locandina

- Scavi finali columna

- Scavi finali cappelletto

Archivio

Copyright - Autorità Portuale di Civitavecchia Fiumicino Gaeta - Molo Vespucci, snc  00053 Civitavecchia - Italia
Tel. 0766 366201 - Email: autorita@portidiroma.it - PEC: protocollo@portidiroma.legalmailpa.it - Note legali - Privacy - Tutti i diritti sono riservati